Disabili gravi 

Indicazioni trasversali a tutti i presidi

Pazienti in possesso del riconoscimento di disabilità ai sensi dell'art. 3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n.104

L’accesso agli accompagnatori/caregiver di questa categoria di pazienti è sempre garantito in ogni ambito sanitario, previo Triage COVID da effettuarsi:

  • per l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo ai punti triage dell'Hospital Street, allestiti agli ingressi 9-13-14-20-25-29-39-47. Per i pazienti in Terapia intensiva sarà il personale del reparto a provvedere al triage COVID 
  • per l'Ospedale Civile di San Giovanni Bianco direttamente nei reparti di degenza e nelle aree ambulatoriali
  • per la Riabilitazione Specialistica di Mozzo dal lunedì al venerdì al punto di triage, mentre il sabato e la domenica rivolgendosi al personale del reparto di degenza.

In fase di triage

  • verrà verificato il possesso da parte dell’utente/paziente del certificato attestante lo status di portatore di handicap con connotazione di gravità. Si riporta di seguito la dicitura specifica riscontrabile nel certificato stesso: “Ai sensi dell’art. 4 della Legge 05 febbraio 1992, n.104 la Commissione Medica riconosce l’interessato: PORTATORE DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITA’ (COMMA 3 ART. 3)”
  • l’accompagnatore/caregiver viene sottoposto a questionario clinico-anamnestico. In caso di anamnesi/clinica positiva, accompagnatore e utente/paziente seguono il percorso “grigio”, salvo sia possibile la sostituzione dell’accompagnatore/caregiver.

Per gli accessi ambulatoriali, in fase di triage è prevista la compilazione del "Questionario Clinico-Anamnestico Esposizione COVID-19 - Accesso ambulatoriale di utente con accompagnator-caregiver", verificata la validità della Certificazione Verde COVID-19 e viene garantito il rispetto delle norme comportamentali e igienico-sanitarie. In caso di mancanza di Certificazione Verde COVID-19, il caregiver può comunque accedere. Al contrario, in caso di accesso per attività ambulatoriale in cui il percorso diagnostico terapeutico preveda l'esecuzione preventiva del tampone molecolare per il paziente, anche il caregiver si dovrà sottoporre a tampone molecolare. Il tampone sarà effettuato dall'ASST contestualmente a paziente e caregiver.

Nei reparti di degenza, viene eseguito triage COVID all’accesso con compilazione del "Questionario clinico-anamnestico esposizione COVID-19 - Accesso di accompagnatore-caregiver autorizzato di degente", verificata la validità della Certificazione Verde COVID-19 e viene garantito il rispetto delle norme comportamentali e igienico-sanitarie. In ogni caso il tampone molecolare viene effettuato in concomitanza al tampone molecolare dell’assistito. Per l’accesso ai settori di area critica (terapia intensiva e sub), il personale del reparto provvederà al Triage COVID e alla verifica della Certificazione Verde COVID-19. 

Ultimo aggiornamento: 05 Ottobre 2021